Erotismo sapiosexual: quando il piacere è nella conoscenza

0
156
Numeri-Porno

Sapiosexual: chi è?

Quando si parla di erotismo, in mente vengono subito corpi nudi, seni al vento, modelle bellissime e calendari mozzafiato. Esiste, però, un grandissimo settore dell’erotismo che non ha quasi niente a che fare con le nudità e con le espressioni dell’erotismo maschile o quello femminile. Si tratta del settore che riguarda i sapiosexual, le persone che sono attratte dall’intelligenza e non dal corpo.

Diversi studi effettuati in merito, difatti, confermano soltanto che gli input intellettivi sono strettamente collegati alle stimolazioni verbali e quindi psicologiche, aiutando le donne a raggiungere l’orgasmo più facilmente. A prima vista potrebbe sembrare strano, eppure è un comportamento che ha delle solide basi scientifiche. Perché anche negli uomini l’erezione non è solo carnale, ma soprattutto cerebrale. Il primo passo verso l’erotismo vero, insomma, è quello di fare l’amore con il cervello dell’altro. Uno step fondamentale per creare un feeling davvero profondo costruendo una relazione che vada oltre il mero aspetto estetico. L’intelligenza erotica, però, va sviluppata passo dopo passo: richiedere una grandissima attenzione, un criterio di scelta non indifferente e alcuni fattori a cui prestare attenzione.

Qual è il primo organo sessuale da stimolare?

Parlano dell’erotismo è innegabile che il primo organo da stimolare in tal senso sia proprio il cervello. A confermarlo non ci sono soltanto le numerose intuizioni dei singoli ricercatori, ma anche le diverse ricerche svolte nell’ambito, come quella dell’Università di Lovanio (Belgio). A queste si aggiungono le ricerche svolte nel Nord America, in particolare nel Canada. L’Università di Toronto, difatti, ha confermato come l’erezione maschile fosse prettamente un fattore cerebrale. La scintilla, difatti, sembra scattare a partire da dei neuroni motori che si attivano non appena si osservano delle azioni sessuali, immaginandosi che siamo noi stessi a compierli.

Il meccanismo alla base dell’eccitazione erotica di un sapiosexual è in tutto e per tutto uguale. Ci si eccita nel vedere l’altro intelligente come noi vorremmo essere, quando ci si scambiano opinioni e considerazioni con lo stesso. In un rapporto tra sapiosexual, i meccanismi dell’erotismo sono praticamente gli stessi. La differenza è che attrae il sapere, l’intelligenza, la creatività e non la nudità, che però riveste comunque un ruolo-chiave anche in una relazione tra sapiosexual. L’attrazione erotica per l’intelligenza, difatti, non sta a indicare che venga meno quella per il corpo. Tutt’altro: l’attrazione per il cervello del partner, la creazione del feeling con lui sono tutti dei fattori in grado di creare delle sensazioni ancora più profonde e intense.

Più in particolare il sapiosexualismo può considerarsi una vera e propria arte che comporta la necessità di utilizzo della propria mente per attivare il corpo. Ci si appassionano della capacità di ragionamento dell’altro, insomma, ma anche delle sue conoscenze, delle idee, delle fantasie, dalla modalità con cui il partner si approccia al mondo. Ovviamente è sbagliato pensare che la tendenza erotica verso la conoscenza sia in qualche modo legata alla cultura, al nozionismo oppure ai titoli accademici. Non è la carta a eccitare, non sono i documenti a creare il feeling con l’altra persona. Tutt’altro: sono i pensieri a farlo, motivo per cui si possono avere anche 40 titoli accademici dalla propria, ma non si riuscirà mai ad attrarre un sapiosexual per davvero senza sapere come farlo. La seduzione di un sapiosexual vive di parole, di dialoghi e di esperienze passate insieme che contribuiscono ad ampliare la visione del mondo di entrambi fornendo a entrambi degli strumenti aggiuntivi per vivere in modo più intenso e profondo.

Ma l’intelligenza erotica… esiste?

Certo, parlano dei sepiosexual e della cosiddetta intelligenza erotica viene naturale mettere in dubbio l’esistenza di un simile concetto. Basta cercare qualche studio effettuato in merito, però, per accorgersi che un concetto simile esiste realmente. L’intelligenza erotica non solo esiste, ma è la capacità di base che si mette in gioco durante un rapporto. Viene sfruttata la creatività della persona, il suo immaginario, la capacità di capire l’altra persona pur d’innescare il desiderio sessuale.

Laddove molte persone commettono l’errore di voler a tutti i costi separare le fantasie sessuali dalla realtà, i sapiosexual sanno di potersi mettere in gioco cercando di sperimentare con il partner proprio ciò che si ha nella propria mente. Laddove molti considerano delle esperienze come particolarmente trasgressive e quindi inadatte a un rapporto. Eppure è soltanto grazie a queste idee così particolarmente spinte che si riesce a sollecitare l’eros facendo infiammare la libido. Grazie all’attrazione mentale, insomma, è possibile far restare viva la relazione anche dopo diversi anni, quando in altri casi la fiammella tende a spegnersi.

Sfruttare il sapiosexualismo al meglio: ecco come

Il sapiosexualismo, però, non è soltanto il motivo per cui alcune persone si sentono così tanto attratte dalle altre, quelle intelligenti e curiose. È anche un buon modo per incontrare il partner giusto, per sedurre una persona oppure per tagliare un rapporto. L’immaginazione, di base, è uno strumento ideale per capire se stiamo con il partner giusto oppure no, se vi è una qualche intesa e se c’è, allora quanto è profonda. Inoltre, controllando i propri pensieri è possibile aumentare la propria carica erotica. Basta raccontare delle proprie fantasie al partner per dar via a nuovi giochi di seduzione, al nuovo erotismo. Detta così, sembra strano, eppure il meccanismo alla base del sapiosexualismo poggia su delle basi prettamente scientifiche.

Del resto, gli intrighi della mente sono quelli che comportano una maggiore emissione di adrenalina nel sangue, amplificando le sensazioni provate durante il rapporto. L’intesa dei cervelli, inoltre, aiuta a creare quell’unicità di legame che contraddistingue una coppia speciale da una qualsiasi. Si viene a creare un’alta affinità elettiva, il che a sua volta contribuisce a migliorare il rapporto di coppia.

Durante il matrimonio, laddove le coppie faticano a mantenere viva la fiammella, il sapiolsexualismo è lo strumento perfetto per non annoiarsi mai dell’altro, ma per cercare (e trovare) sempre delle cose nuove nella vita di coppia. L’erotismo intellettivo, dunque, è alla pari di un vero e proprio strumento che può aiutare in una relazione, durante le sue varie fasi. Tutto ciò che serve è realmente essere dei sapiosexuali e saper sfruttare questa propria peculiarità al meglio, regalandosi (e regalando al partner) degli attimi di piacere indimenticabili.

Articolo offerto da: numeroerotico.it

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci commento
Inserisci nome