A Milano nascono le nuove Grafiche Bazzi Moretti

0
284

A metà luglio è stato dato l’annuncio della nascita di una nuova azienda nel panorama della grafica lombarda: le Grafiche Bazzi Moretti, frutto del’unione di due storiche aziende milanesi. La Moretti ha festeggiato i 95 anni d’attività giusto nel 2010 essendo stata fondata nel 1915. La Bazzi ha invece un’origine ancora più antica (la prima attività di Aldo Bazzi risale al 1912) ma ha assunto una dimensione aziendale solo nel 1935. Messe insieme le Grafiche Bazzi e quelle Moretti fanno comunque quasi duecento anni di presenza nel panorama della grafica milanese. Un’unione che darà un’altra scossa al dinamico mondo grafico lombardo. La Bazzi, con sede a Milano e la Moretti, a Segrate, hanno dato l’annuncio dell’ufficializzazione della loro integrazione a metà luglio ed la costruzione del nuovo sito è già iniziata, mentre chi prova a telefonare si sente rispondere al centralino con la nuova ragione sociale.
Ai vecchi e ai nuovi clienti, già prima delle vacanze, è stata presentata questa nuova realtà che può contare su un ciclo completo di lavorazione, una moderna pre-press con Ctp e un avanzato e un parco macchine piane per la stampa di prodotti editoriali e commerciali di grande qualità completo per ogni esigenza.
Le Grafiche Moretti hanno trasferito le loro attività nella sede di Segrate della Bazzi. La cinque colori della KBA, con formato 100×140 si integra perfettamente con l’ ampio reparto di macchine piane 70×100 a 4, 5, 6 e 10 colori di casa Heidelberg, completandone così l’offerta. La nuova azienda vuole crescere e ampliarsi mettendo insieme due forti esperienze imprenditoriali e familiari del settore. Entrambi le aziende sono già giunte alla quarta generazione: Marco e Massimo Moretti da anni guidano le Grafiche Moretti insieme con il padre Giuseppe e anche in Bazzi Federico e Francesco, che conducono l’azienda insieme con il padre, hanno tutti avuto il coraggio di fare un passo in avanti verso la completa soddisfazione dei clienti.
http://www.printtoprint.com

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci commento
Inserisci nome