Dentista: la cura delle carie

0
213
dentista-per-bambini

È ormai diffusa la consapevolezza che avere dei denti sani è fondamentale, non solo per avere un aspetto esteticamente apprezzabile, ma anche per la salute dell’intero organismo. La cura dei denti e, in generale, del cavo orale, diventa indispensabile in quanto quest’ultimo è uno dei primi accessi attraverso il quale i germi entrano nel nostro corpo.

Sono molte le infezioni che possono derivare dal’assenza di un’adeguata cura dei denti, come per esempio quelle batteriche che causano alcune delle malattie cardiache che coinvolgono le funzioni delle valvole cardiache, con gravi conseguenze per la funzionalità dell’apparato cardiovascolare.

Una delle patologie dentali più diffuse è la carie dentaria che, molto spesso, nella fase iniziale non presenta sintomi particolari, causando invece, man mano che progredisce, diversi disturbi quali ipersensibilità, dolore ai denti e alitosi. Questo perché i batteri, che si riproducono in presenza di tartaro, provocano la distruzione dei tessuti del dente cariato.

Nella maggior parte dei casi, la principale causa delle carie è la scarsa igiene orale che favorisce l’insorgere della placca. In altri, invece, le carie potrebbero derivare da predisposizioni soggettive come una particolare conformazione o il disallineamento dei denti, come anche da una cattiva alimentazione, caratterizzata da un uso eccessivo di zuccheri, di alimenti raffinati o di quelli dalla consistenza appiccicosa.

Il processo di avanzamento di una carie è molto lento, ma in nessun caso può guarire senza un intervento mirato. Quindi, l’unica soluzione per evitare che cominci a causare delle conseguenze più gravi è quella di rivolgersi al proprio dentista di fiducia che, a seconda dei casi, procederà con l’otturazione del dente cariato o con una ricostruzione, dopo aver eliminato l’infezione e aver riempito la cavità.

Se l’infezione non viene curata, comincia ad attaccare lo smalto che si demineralizza e, alla fine, si perfora. Una volta superata la barriera dello smalto, infatti, la carie arriva fino alla dentina e diventa quindi penetrante. Infine, il suo avanzare arriva fino alla polpa del dente dove si trovano le terminazioni nervose. Se non si mette il dentista nelle condizioni di intervenire neanche in questa fase, cominciano i problemi seri perché i batteri, una volta raggiunta la polpa dentale, possono compromettere, definitivamente e senza più rimedi, la salute del dente coinvolto. Tra le conseguenze di una carie non curata si possono menzionare gli ascessi, la parodontite apicale e i granulomi.

Il dentista, nel caso di una carie superficiale o allo stadio intermedio, curerà il dente attraverso un’otturazione che ha la funzione di riempire la cavità dei denti cariati che inevitabilmente si crea in seguito all’attacco dei batteri e alla pulizia. Quindi, una volta eliminata tutta la parte cariata, di consistenza molle ed infetta, il dentista provvederà alla sigillatura del dente tramite apposito materiale.

Quando invece la carie è già avanzata al punto di aver causato delle complicanze, non è sufficiente intervenire con un’otturazione, perché sarà necessario procedere con una devitalizzazione che consiste nell’asportazione della polpa del dente cariato. Invece, in alcuni casi, l’unico rimedio efficace potrebbe risultare l’estrazione del dente.

Per i bambini affetta da problemi dentali, a Roma è presente uno studio odontoiatrico interamente dedicato a loro: Dentista Bambini.

Il suo obiettivo è quello di poter donare un sorriso smagliante a tutti fin dalla più tenera età. Cordialità e professionalità sempre al vostro servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci commento
Inserisci nome