Consigli per tagliare il prato correttamente

tagliare il prato correttamente

Non è una buona idea falciare eccessivamente il prato troppo. In questo modo andiamo a ridurre la superficie fogliare e quindi ostacoliamo la sua capacità di fotosintesi. Rasarlo troppo determinerà sicuramente un indebolimento del prato.

I prati bassi hanno tra l’altro radici meno profonde di un normale prato, e queste sono meno resistenti alla siccità. Sono anche più sensibili agli attacchi di parassiti e malattie e anche le erbacce non perderanno la loro occasione di poter proliferare.

Come regola generale, non falciare il prato al di sotto dei 5 cm. Si consiglia di lasciarlo anche più in alto nelle zone ombreggiate e in quei periodi considerati stressanti, ad esempio quando il caldo è estremo o nei mesi invernali.

 

Frequenza di taglio

Non dovresti mai tagliare più di un terzo dell’altezza del prato in una sola volta. Se sei stato indaffarato e hai trascurato la manutenzione del giardino, adesso non vale la pena  tagliare l’erba direttamente all’altezza desiderata. Sarebbe troppo stressante e per finire lasceresti tutte le foglie gialle esposte. Per evitare ciò, rimuovi non più di un terzo dell’altezza totale e ripeti il processo di taglio dopo alcuni giorni.

 

Non falciare l’erba bagnata

Prima di falciare assicurati che il prato non sia bagnato. Se fosse umido, anche se solo a causa della rugiada mattutina, i gambi si sarebbero piegati e l’uniformità del taglio sarebbe difficoltosa. Poco dopo la falciatura, le imperfezioni si presenterebbero. Oltre a compromettere il risultato, il lavoro con la falciatrice sarebbe molto complicato in quanto le lame e la macchina sarebbero invischiati da una massa di fili d’erba appiccicosi.

 

Se il prato è bagnato, rimanda ad un’altra volta. Potresti lasciare segni orribili, deteriorando seriamente il tuo prato. Nel peggiore dei casi potesti compattare il terreno, complicando la corretta aerazione delle radici.

 

Come tagliare il prato

È essenziale descrivere bene le linee rette. Inizia sempre con i margini, quindi prosegui disegnandoli in senso longitudinale (sempre paralleli tra loro). Un buon trucco è usare il solco del passaggio precedente come guida, in modo che le frange sgradevoli non vengano lasciate.

Sii attento agli ostacoli per poterli superare senza problemi. I diffusori o gli irrigatori che si alzano più in alto di quanto dovrebbero sono un classico, cerca di non colpirli con le lame.

Raccogli sempre ciò che hai falciato, a meno che il tuo rasaerba non disponga dell’opzione “mulching” . Con questo sistema i resti vengono polverizzati e vengono integrati nel terreno. Non danno fastidio e forniscono anche importanti nutrienti. In caso contrario, utilizza il rastrello o il cassetto del rasaerba.

Per finire “dategli il tocco da maestro”: rifilate i bordi del prato , attorno ai vostri mobili e qualsiasi altro ostacolo. Puoi aiutarti con un rifinitore o un decespugliatore come questo . Ti assicuro che la differenza sarà abissale, non c’è colore tra un prato dai bordi ben definiti e un altro senza rifilatura.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci commento
Inserisci nome