I benefici della compagnia nella terza età

0
219

Ad ogni età, trascorrere del tempo in compagnia con altre persone, è un bisogno che non può essere sostituito da schermi digitali o animali. Questa realtà non cambia con l’età, anche se forse la percezione del bisogno di compagnia può affievolirsi.

La compagnia di altri può diminuire lo sconforto, la noia, la tristezza e la depressione. I benefici comunque vanno oltre il semplice divertimento. Ogni casa di riposo a Roma o in altre grandi città conosce questo fatto, ed è per questo che tra i servizi offerti molte strutture per la terza età danno molta importanza alle attività ricreative e ludiche.

Ma quali sono gli effetti positivi che una persona nella terza età può avere dallo stare in compagnia con altri?

 

Benefici intellettivi

Una stimolazione regolare delle funzioni cognitive è un’ottima alleata contro la lotta alla demenza senile. Il problema è che spesso le persone anziane che tendono ad isolarsi non vogliono cimentarsi in attività celebralmente stimolanti e tendono a guardare molta televisione e magari a giocare con PC e Tablet. Per questo motivo occorre stimolarli a stare insieme ad altre persone che hanno le loro stesse esigenze. In questo modo i benefici cognitivi andranno di pari passo con quelli emotivi.

Benefici emotivi

La compagnia di altre persone, riduce drasticamente la depressione e gli permette di sentirsi nuovamente parte di una comunità, di sentirsi ancora utili e questo stimola fortemente la loro voglia di vivere con indubbi benefici sulla salute psico-fisica.

 

Benefici fisici

Lo stare insieme ad altre persone può aiutarli a ricordare com’è bello fare una passeggiata nel verde e li stimola perché il confronto con altri può spingerli a chiedere di più al proprio corpo.

 

Quindi se avete a che fare con una persona anziana che tende ad isolarsi, correte subito ai ripari e cercate di capire cosa potrebbe interessarli. Il secondo passo è cercare un luogo in cui quell’attività è fatta insieme ad altre persone: può essere una biblioteca, l’università per la terza età presente in moltissime città, una bocciofila, un circolo e portatelo con voi. Cercate di rimanere con lui almeno per qualche volta e poi, quando noterete che si è ambientato, potrete lasciarlo solo. Vedere che i risultati dei vostri sforzi sono ampiamente ripagati vi aiuterà molto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci commento
Inserisci nome