Storia ed evoluzione dello Yacht

0
299

Lo Yacht nella storia

Tutti ne rimangono affascinati, molti ne sognano uno, pochi di questi lo hanno provato e ancora meno lo posseggono. Quante volte passeggiando lungo un molo ci si sorprende letteralmente imbambolati fissando uno yacht, che sia a vela stile classico o a motore, ultramoderno e superaccessoriato.
Eppure pochi conoscono la sua storia.

Le origini

Partendo dall’aspetto etimologico non tutti sanno che il termine “yacht” viene dal vocabolo olandese “jacht”, la cui traduzione letterale è caccia. Infatti questo tipo di imbarcazione era utilizzato dai paesi del nord-Europa come mezzo esplorativo per le sue caratteristiche di leggerezza, velocità e dimensioni ridotte.
È un tipo di imbarcazione da diporto, ovvero che non appartiene ad alcun organo statale ed è finalizzato allo sport e ad attività ludiche.

Il modello di imbarcazione che oggi ci è nota come yacht affonda le sue origini nel lontano XVII secolo. Carlo II Stuart (Re d’Inghilterra Scozia e Irlanda dal 1649 al 1660) fece una lode pubblica a questo tipo di nave per molti anni usata dalla marina olandese per perseguitare le flotte di pirati che saccheggiavano le navi mercantili e attaccavano quelle militari.
Viste le abilità tecniche della barca, il Re commissionò che ne venisse realizzata una per solcare le acque del Tamigi; in poco tempo dall’Olanda arrivò Mary lunga 16 metri e armata con 10 cannoni: Mary fu il primo yacht di una flotta di 24 barche da diporto.

Com’era consuetudine tra i nobili dell’epoca, la moda si diffuse rapidamente, giungendo fino in America, dove, da metà ‘700, imprenditori milionari decisero di investire per avere una personale imbarcazione di lusso.
Lo spirito competitivo fu forte che nacquero le prime competizioni, così l’800 fu il secolo delle regate e degli yacht club.

Lo yacht oggi

Ad oggi lo yacht più lussuoso del mondo vale “appena” 4.8 miliardi di dollari ed è l’History Supreme. Conosciuto anche come Baia 100 Supreme, a renderlo così esclusivo non sono le dimensioni o gli accessori, bensì le decorazioni e le rifiniture.
Il suo corpo è stato realizzato con alcuni dei materiali più pregiati e durevoli esistenti: ossa di T-Rex, platino, oro e pietre preziose di ogni tipo. C’è chi potrebbe considerare tutto questo un po’ kitsch e prediligere l’Eclipse, solo seconda al mondo per costo e lusso, appartenente ad un magnate Russo. Con i suoi 160 metri di lunghezza, 24 camere, un mini sottomarino e due piste per elicotteri, questo yacht vale ad oggi circa 800 milioni di dollari.

Sognare non costa nulla. Ma realizzare il sogno di avere una barca propria è possibile.
La Media Ship, leader nel commercio di imbarcazioni, offre da anni yacht a motore e a velo, nuovi o usati d’occasione, garantendo ai propri clienti articoli della massima qualità.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci commento
Inserisci nome