Imposta di successione: che cos’è, modelli da compilare e consigli

blank

L’imposta di successione è quella che viene riscossa sul trasferimento di beni e/o diritti che avviene tra persone fisiche e, in linea di principio, non è necessario che si verifichi un decesso perché vi sia solo un trasferimento di beni o diritti tra persone fisiche.

Che cos’è la tassa di successione?

Se vuoi sapere cos’è l’imposta di successione, devi sapere che si tratta di un’imposta il cui oggetto è il reddito che è associato all’aumento del patrimonio associato all’accettazione di un’eredità o di una donazione.

È un’imposta diretta, cioè cade immediatamente sull’acquisizione di beni e diritti. È personale, cioè è il risultato del rapporto di una persona con un’altra e non coinvolge più agenti. È soggettivo, o ciò che è lo stesso, dipende dalle circostanze personali del soggetto passivo.

È anche un’imposta progressiva e istantanea. Ciò significa che maggiore è la base imponibile, maggiore è l’imposta applicata a detta base. Cioè, più eredità ricevi, più tasse dovrai pagare.

Ci sono due ragioni per cui questa tassa viene chiamata in un modo o nell’altro:

  • Se il motivo è “mortis causa” si parla di imposta di successione.
  • Se invece è “inter vivos” si parla di donazione fiscale.

In ogni caso, la verità è che, in pratica, funzionano allo stesso modo.

Modelli fiscali

Questo tipo di imposta di riscossione è regolata dalla legge 29/1987, del 18 dicembre, sull’imposta di successione e donazioni e dal regio decreto 1629/1991, dell’8 novembre, che approva il regolamento fiscale sulle successioni e le donazioni.

I modelli previsti dall’Agenzia delle Entrate per tutte queste tipologie di liquidazioni sono:

  • Modello 650, che è la dichiarazione ordinaria.
  • Modello 652, che è la dichiarazione semplificata, sia per acquisizioni «mortis causa».
  • Per le acquisizioni “inter vivos” viene utilizzato il modello 651.

Questa legge stabilisce come calcolare la base imponibile che incide su tale imposta. Tuttavia, la base pagabile e l’aliquota applicabile sono di competenza di ciascuna Comunità Autonoma e questo è ciò che causa le grandi differenze di pagamento l’una dall’altra.

In uno non c’è un minimo esente, in altri stabilisce un minimo di 250.000 euro e, in altri, è esente da un milione di euro. Nel caso di alcune comunità, è così gravoso che l’unica opzione rimasta agli eredi è rinunciarvi. (in alcuni casi si rischia addirittura di perdere la residenza abituale).

Posso registrarmi in un altro comune per pagare meno?

Puoi iscriverti in un altro comune, ma tieni presente che il sistema fiscale di cui si terrà conto nella definizione delle successioni sarà quello del “comune in cui hai risieduto più a lungo negli ultimi cinque anni prima della successione”.

Inoltre, la residenza reale ed effettiva deve coincidere. In altre parole, è meglio non rischiare con questo tipo di stratagemma poiché questa tassa è attualmente nel mirino degli istituti di riscossione.

Le tasse per le successioni può essere pagata a rate?

Le province autonome pagano meno tasse di successione. Pertanto, il prezzo dipenderà dalla comunità autonoma in cui si svolge la procedura e dai suoi compensi. In ogni caso, verifica con un consulente quali condizioni ha questo privilegio sulle successioni nella tua comunità autonoma.

In ogni caso, dovresti sapere che il pagamento dell’imposta di successione può essere frazionato. I familiari diretti hanno sei mesi dalla data del decesso per pagare l’imposta.

Cosa succede se la tassa non viene pagata?

Se non puoi permetterti di pagare l’imposta di successione, puoi richiedere un differimento, richiedere un credito personale alla banca o anche richiedere il pagamento a rate. Hai 6 mesi dalla morte per effettuare la transazione e richiedere un’altra proroga di 6 mesi durante quel periodo.

Se non puoi permetterti il ​​pagamento dopo questo tempo, dovresti sapere che puoi rinunciare all’eredità.

In ogni caso è un argomento in cui è difficile generalizzare ed è meglio rivolgersi a un esperto per un consiglio.

Un sostegno al tuo fianco

L’agenzia di pompe funebri Roma BONANNI oltre alla preparazione di tutte le pratiche burocratiche e la documentazione necessaria per l’organizzazione della cerimonia funebre (certificato di morte, autorizzazione alla sepoltura o cremazione della salma, permessi per il trasporto, autorizzazioni cimiteriali) ti può aiutare con le pratiche per la successione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci commento
Inserisci nome