riabilitazione Crif

blank

Tutti coloro che per qualche problema sono stati tacciati di essere cattivi pagatori hanno l’esigenza di una riabilitazione Crif.

A volte ci si dimentica di pagare una rata semplicemente perché siamo impegnati in altre cose, abbiamo altre preoccupazioni eccetera fino a quando non succede che questo mancato pagamento venga segnalato.

Il problema, per quanto riguarda questo tipo di sistema, è che una segnalazione al Crif diventa un macigno con cui non è facile nuotare poi tra un mare di prestiti, finanziamenti e mutui. Innanzitutto cerchiamo di capire che cosa significhi questa sigla, perché già il significato contiene in sé un po’ la risposta che stiamo cercando.

Crif sta per una centrale rischi di intermediazione finanziaria e tutto sommato non è altro che un sistema contenente tutti i dati delle persone che hanno richiesto e precedentemente dei pagamenti rateizzati oppure dei prestiti o dei mutui.

Cosa significa? Che qualunque azienda, può dunque richiedere un controllo per valutare se concedere un finanziamento o un mutuo a una persona. Se questa persona è segnalata all’interno di questo registro allora il prestito non verrà erogato per non mettere a rischio la banca o la finanziaria. Dal momento che oggi viene tutto pagato a rate, magari andando al centro commerciale e acquistando uno smartphone o qualunque altra cosa, è del tutto probabile che ci capiterà ancora, nella vita, di chiedere un prestito e se siamo segnalati e questo non ci verrà erogato nella maggior parte delle circostanze.

Quali dati sono contenuti all’interno di questa data base

Prima di tutte le persone pensano che all’interno di questa data base ci siano solamente le informazioni negative, ma non è così perché ci sono anche i dati positivi. Per cui, se abbiamo sempre pagato puntualmente i nostri debiti, se siamo sempre stati puntuali, di questo verrà tenuto in conto e non partirà nessuna segnalazione negativa ma segnalazioni positive che agevoleranno la finanziaria ad anticipare un responso favorevole all’erogazione del prestito richiesto.

Dunque il nostro comportamento antecedente funziona per regolare la possibilità di migliorare o peggiorare la nostra situazione economica e creditizia dopo. Se non ci siamo comportati come ci si aspettava da noi non verremo ritenuti idonei per un prestito. Quindi, se siamo stati cattivi pagatori probabilmente vorremmo essere cancellati prima possibile dal registro per quanto riguarda questo comportamento: la buona notizia è che ad un certo punto la cancellazione del nostro comportamento è automatica. Il problema però rimangono le tempistiche di cancellazione, perché a volte si può trattare i vari mesi se non anni e questo causò notevoli problemi all’interno di una famiglia dove spesso si vive accendendo dei prestiti.

Se si finisce nel registro dei cattivi pagatori, ci vogliono almeno cinque anni prima di avere la speranza di vedere per iscritto il problema di non aver rimborsato una rata o un mutuo. Devi fare attenzione a non chiedere la cancellazione totale del tuo stato dal crif, perché potrebbe avere dei lati positivi e dunque potresti avere dei punti in più quando vuoi chiedere un prestito in futuro.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci commento
Inserisci nome